Costituito nel 1979 come Museo archeologico e paleontologico, il Museo Naturalistico "Ferruccio Lombardi"  nasce come "Museo del Po" proprio perché molti dei materiali che ne costituivano il primo nucleo provenivano dal grande fiume. Con il tempo le collezioni si sono arricchite di numerosi reperti che consentono oggi all'istituzione di fornire un'esauriente rappresentazione dell'ambiente naturalistico dell'Oltrepò Pavese.

Le sale sono suddivise rispettando il percorso delle discipline di storia naturale. L'area dedicata alla geologia raccoglie minerali e rocce tipiche del territorio mentre quella della paleontologia conserva fossili risalenti al Pleistocene e al Quaternario. Pannelli didattici che descrivono la vita delle antiche popolazioni dei Proto-Liguri e dei Celti si propongono come spunto di riflessione ai visitatori nell'area dedicata alla Paletnologia.

Le piante si raccontano nella sezione autotrofi mentre gli animali del territorio sono i protagonisti della sezione dedicata agli eterotrofi. Infine, nella sezione ecologica, è possibile approfondire temi diversi tra cui il concetto di specie e il tipo di alimentazione degli animali e il mimetismo.

Molto ricco di testimonianze, il museo si propone come una mostra permanente degli aspetti più naturalistici dell'Oltrepò Pavese.